Mostra Alieni: piante e animali che ci invadono!

Mostra Alieni: piante e animali che ci invadono!

Dal 24 novembre 2017 i nostri bambini potranno visitare la mostra “Alieni. La conquista dell’Italia da parte di piante e animali introdotti dall’uomo” ai Musei Civici di Villa Mirabello di Varese.

Lo sapevate che gli Scoiattoli grigi nordamericani stanno sostituendo gli scoiattoli autoctoni? o che ci sono ambienti acquatici con circa la metà delle specie non originarie? O che i dintorni degli aeroporti internazionali sono diventati le aree a maggior concentrazione di specie introdotte dall’uomo? E infine che i gamberi americani stanno alterano gli equilibri naturali nei sistemi idrici locali, come ad esempio il lago di Varese?

La mostra Alieni ci permetterà di conoscere le funzioni di piante ed animali negli ecosistemi, alla scoperta di una forma di “inquinamento biologico” ancora non sufficientemente percepita. All’interno dell’esposizione potrete trovare animali tassermizzati, terrari e acquari con piante e animali vivi come gamberi rossi della Louisiana, gambusie, testuggini dalle orecchie rosse ecc...
Ad arricchire la mostra c'è un insieme di reportage fotografici dei naturalisti Francesco Tomasinelli e Marco Colombo, quest’ultimo vincitore nel 2016 del prestigioso “BBC Wildlife Photographer of the Year”.

La mostra è un viaggio tra le specie aliene, ossia tra gli organismi introdotti, accidentalmente o volontariamente, dall’uomo in provincia di Varese ma in generale in Italia e in Europa, al di fuori della loro area di origine.

Tra le specie aliene che si insediano in natura alcune diventano invasive, ossia particolarmente pericolose per l’ambiente, l’economia o la salute dell’uomo.

Le specie aliene invasive sono responsabili della perdita di biodiversità al pari della distruzione degli habitat, minacciano l’esistenza di moltissime specie autoctone e alterano profondamente gli ecosistemi. L’impatto sociale ed economico delle specie aliene invasive è stimato in oltre 12 miliardi di Euro ogni anno nella sola Unione Europea. Delle 12.000 specie aliene segnalate oggi in Europa, più di 3.000 sono presenti in Italia, di cui oltre il 15% sono invasive.

Il fine della mostra è quello di coinvolgere adulti e bambini per promuovere un radicale cambiamento culturale, per prendere coscienza del problema ed evitare in futuro nuove  introduzioni.

La mostra prevede come evento collaterale un calendario di incontri a carattere divulgativo in programma da gennaio a maggio.

I visitatori potranno accedere alla mostra negli orari di apertura dei Musei Civici di Villa Mirabello versando il normale biglietto di ingresso al Museo.
Dal 16 dicembre inizieranno le visite guidate al sabato pomeriggio (durata 1h, prenotazione obbligatoria, costo 2 € in aggiunta al biglietto di ingresso). Nel corso delle quali sarà possibile assistere all’alimentazione degli animali e al dietro le quinte di “Alieni”.

Per le scuole primarie e secondarie di 1° grado sono previste visite guidate ed il laboratorio tematico “Trova l’Alieno”
Mostra indicata per bambini dai 7 anni

Orari di apertura
Da martedì a domenica: dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00.
Chiuso il lunedì e nei giorni: 1 novembre, 25 dicembre e 1 gennaio. Nei giorni 24 e 31 dicembre chiuso al pomeriggio.

Biglietto di ingresso al Museo
Intero € 4; Riduzione: € 2, fino ai 25 anni, gruppi (almeno 10 persone), militari, tessere ACTL, TCI, FAI, Federalberghi, Family Card, VareseCorsi; Scuole: € 1; Gratuito: disabili e accompagnatori, bambini fino a 6 anni, insegnanti accompagnatori di scolaresche e visitatori che abbiano compiuto 65 anni.

Prenotazioni e contatti
Per informazioni e prenotazioni: Alessio Martinoli 0332/421540 o

fotografie Francesco Tomasinelli

Tags: varese,, mostra per famiglie con bambini,, mostra Alieni,, Villa Mirabello di Varese,

Iscriviti alla newsletter




 
 
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)
 

 

 
Vuoi segnalare un evento?
Contatta la redazione scrivendo a

 

Iscriviti per ricevere promozioni e omaggi!



 
 
Acconsento al trattamento dei miei dati personali (decreto legislativo 196 del 30/Giugno/2003)