Viaggio sul Trenino del Bernina con i bambini

Il Trenino del Bernina con i bambini

Il trenino rosso del Bernina viene definito uno dei viaggi ferroviari più belli al mondo. Paesaggi meravigliosi e una tratta ferroviaria Patrimonio Unesco dell'Umanità lasceranno senza fiato i nostri bambini! 

Si tratta di un percorso che unisce due nazioni, l’Italia e la Svizzera, e annulla l’ostacolo naturale di una montagna. Si parte solitamente dalla stazione di Tirano, in Valtellina, e si sale fino al punto più alto, l’Ospizio Bernina a 2253 m slm, per poi ridiscendere fino a Sankt Moritz, la perla dell’Engadina.


Mappa percorso archivio Ferrovia Retica

Ovviamente il tragitto può essere percorso anche al contrario, a seconda della località da cui si è più comodi partire. È un vero e proprio viaggio nel viaggio, dove la bellezza non sta solo nell’arrivare alla meta ma nel tragitto in sé, nello spostarsi in treno e nel decidere le tappe dove fermarsi. Il segreto è viaggiare leggeri per rendere ancora più avventurosa l’esperienza che può essere vissuta tranquillamente anche in famiglia. Basta organizzarsi al meglio e decidere in anticipo le fermate a cui scendere.


Il Bernina Express nella curva di Montebello. Copyright by Rhaetische Bahn By-line: swiss-image.ch/Andrea Badrutt

Due ore e un quarto (o due ore e mezza a seconda del tipo di treno) in cui lo sguardo spazia tra cime innevate e laghi verdissimi, inseriti in una natura che sa stupire in ogni stagione.

L’inverno si avvicina ed è sicuramente il periodo che preferiamo per vivere quest’esperienza. Vedere il treno rosso che avanza nel bianco immacolato della neve è un’immagine che difficilmente riuscirete a togliervi dalla mente.

Quali sono le tappe più adatte con bambini al seguito proprio in questa stagione?

La più bella è Morteratsch. Perché da qui si parte per percorrere un tragitto quasi totalmente pianeggiante di un’ora circa fino ad arrivare al ghiacciaio. Proprio in corrispondenza di questa stazione si può anche dormire nell’hotel Morteratsch oppure presso l’Al Vadret Swiss Lodge.


Fermata Morteratsch con hotel

Un’altra stazione che merita in inverno è Pontresina. Da qui si può partire alla volta della Val Roseg che può essere raggiunta sia a piedi che a bordo di una carrozza trainata dai cavalli. Immaginatevi avvolti in una calda coperta a bordo di una carrozza in mezzo alla neve. La magia è assicurata sia per i grandi che per i bambini. In Val Roseg si può dormire presso l’hotel.


Copyright by Susanne Bonaca

A Sankt Moritz il lago ghiacciato è uno spettacolo indimenticabile. Una sosta nella perla dell’Engadina è consigliabile proprio per ammirare la sua natura spettacolare e per percorrere un pezzettino a piedi intorno al lago, in versione invernale.

Come organizzare il viaggio?

Se si ha a disposizione soltanto una giornata, diventa difficile poter fare più di due soste. Bisogna tenere conto del fatto che, una volta scesi, si deve aspettare circa un’ora per riprendere il treno successivo. Dover scendere e risalire più volte può diventare stancante con i bambini, ma non solo.

Ci sono due opzioni, una più economica (ed è quella solitamente scelta dalle famiglie) e una sicuramente più costosa ma che consente di vivere il viaggio in maniera più completa.

L’opzione più economica prevede un pernottamento a Tirano per la sera che precede il viaggio, in modo da partire al mattino presto con il primo treno e godersi tutta la giornata.  Se poi approfittate dell’offerta delle Ferrovie Retiche pensata appositamente per le famiglie che prevede una tariffa agevolata a 29 CHF per tutto il nucleo familiare, il trenino rosso diventa un’esperienza davvero alla portata di tutti.

L’opzione invece più costosa prevede un pernottamento in Svizzera, a Morteratsch, Pontresina o Sankt Moritz ( quest'ultima scelta in assoluto più cara). In questo modo spezzerete il viaggio in treno nell’arco di due giornate e potrete apprezzarlo di più.


Slittino a Pontresina Copyright by Stephan Müller

In alternativa si può scegliere di compiere le tappe solo all’andata o al ritorno del percorso, a bordo di un treno regionale, e di prenotare un treno Express per l’altra tratta, senza mai scendere.Qualsiasi sia la modalità di viaggio scelta, è sempre consigliabile salire a bordo dei treni regionali che garantiscono maggiore libertà, consentendo di scendere e salire a proprio piacimento. Per i treni Express, invece, è obbligatoria la prenotazione sempre a pagamento, anche per i bambini. Ma una volta scesi, si perde il diritto al posto.


Il Bernina Express attraversa il celebre viadotto di Landwasser. 
Copyright by Rhaetische Bahn By-line: swiss-image.ch/Peter Donatsch

Per tutti i dettagli sulle tariffe e sull’offerta per famiglie 
www.rhb.ch

A cura di Letizia Dorinzi
www.incinqueconlavaligia.com

foto di apertura
Il Bernina Express lungo il Lago Bianco. 
Copyright by Rhaetische Bahn By-line: swiss-image.ch/Christoph Benz

Tags: bambini , gita in famiglia, gita in montagna per famiglie con bambini,, il trenino del bernina

Iscriviti alla newsletter

 

Vuoi ricevere i nostri aggiornamenti?

ISCRIVITI

 
Vuoi segnalare un evento?
Contatta la redazione scrivendo a

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER


non ti perdere SCONTI e OMAGGI!

ISCRIVITI